Gruppo Valle Nava

riscopriamo il nostro territorio

#Una petizione per tutelare il Parco di Monza

In questi giorni il Parco di Monza è messo a rischio da una incauta decisione della Regione Lombardia: si tratta dell’idea di aprire, nel bel mezzo del parco, un centro di guida sicura finanziato con stanziamenti regionali.
La Regione ha, infatti, destinato 1 milione e 700 mila euro per finanziare la SIAS, una società dell’ACI Milano, per la realizzazione di un centro di guida sicura in un’area prospiciente il Roccolo – recentemente restaurato a cura di uno sponsor privato su iniziativa del Comitato per il Parco “A. Cederna” – e la Gerascia, due degli ambienti naturali e storici più preziosi dell’intero Parco. La Gerascia, splendido prato rifugio di molte specie faunistiche, potrebbe essere asfaltata e messa a disposizione dell’autodromo.
La Giunta Mariani – senza discussione in Consiglio Comunale – ha approvato una delibera che rinnova alla SIAS fino al 2026 la concessione per la gestione dell’autodromo in cambio di un canone di locazione ridicolo: 800 mila euro. Inoltre, si sta discutendo il progetto dell’architetto Botta di uno stadio della F1 per ospitare 110.000 persone e la costruzione di due piste aggiuntive che dovrebbero correre parallele al circuito – una interna alla concessione e l’altra esterna. L’unica funzione sarebbe quella di rendere più agevole l’accesso alla pista.

L’idea di costruire un centro di guida sicura comporterebbe – almeno per come è stato prospettato – una perdita per il parco e i suoi fruitori e un guadagno riservato solamente alla succitata SIAS, che in definitiva gestisce l’autodromo e le strutture annesse. Questo progetto della Regione, come si può leggere sui quotidiani locali, potrebbe costarci caro: 300.000 euro subito, con la possibilità di arrivare a 1.700.000 euro di finanziamento complessivo, di cui l’80% a carico della Regione (e dei suoi contribuenti). La motivazione formale utilizzata per giustificare un tale dispendio è: “mettere in regola il circuito di Monza rispetto alle linee previste dalla stessa Regione a luglio per i centri di guida sportiva”.
Adeguamenti che fanno riflettere: se l’autodromo non rispecchia più quei canoni di sicurezza oggi richiesti, perché non pensare allora ad una nuova ubicazione per il centro di guida sicura? Perché rubare spazio alla qualità della vita dei cittadini? Rubare spazio a servizi per tutti con servizi per pochi?
Per di più, la mole dell’investimento fa pensare che ci saranno pesanti interventi sul povero Parco, già abbastanza colpito nel recente passato dall’intrapredenza delle ultime amministrazioni, a livello comunale e regionale.

 

cartina-parco-alto-true.gif

 

Quello che più fa male di tutta questa vicenda è che a pagarne le conseguenze sia il Parco di Monza: una vera istituzione per la Brianza! Ogni problema del parco di Monza non è un problema locale, è un problema di tutto il contesto brianzolo. E’ necessario, in un territorio abbruttito dal cemento e avvelenato dal traffico, capire il senso e il ruolo di primo piano che il Parco svolge per i cittadini di Monza (e di Arcore, Macherio, Vedano, Lesmo, ec). E se motivi, diciamo così, funzionali non bastassero, il Parco è una componente storica che va tutelata, è il parco urbano più ampio d’Europa con i suoi 685 ettari e il suo ricchissimo patrimonio, artistico e naturale. All’interno del parco ci sono qualcosa come 110.000 alberi ad alto fusto, 137 ettari di prati, 295 di boschi, 3 ville storiche, 3 mulini e 26 cascine. Questo parco è stato creato nel 1805, è memoria storica della città e della cittadinanza, e oggi punto di riferimento e baricentro delle attività ricreative di circa due milioni di persone l’anno. Si stima che in una qualsiasi domenica durante la bella stagione visitino il parco più di 60.000 persone.

A difesa di questo splendido patrimonio dal 1994 è presente il Comitato per il Parco di Monza “Antonio Cederna”, che in questi anni si è prodigato in attività di valorizzazione e, soprattutto, di difesa del parco. Questo comitato ha portato avanti campagne per rendere il parco più fruibile e “di tutti”, ha organizzato lavori di restauro naturale delle aree verdi, e ora si sta muovendo per contrastare questa ipotesi di allargamento. Proprio al fine di osteggiare questa ennesima idiozia il Comitato propone una petizione da presentare alle istituzioni (per maggiori informazioni vi rimandiamo direttamente al testo della petizione, cliccando qui).
E’ veramente difficile non comprendere la ricchezza, la bellezza e l’importanza del Parco in una realtà come quella di Monza e Brianza, allo spazio alternativo che il parco rappresenta, ai micro habitat e micro paesaggi che conserva al suo interno, alle aree per il gioco e il relax, al riparo che offre alla fauna, alle splendide visuali e alla cultura che ancora in esso trovano riparo. E’ inammissibile che per la realizzazione di un centro di guida si vada a intaccare ulteriormente l’integrità del Parco. Il diritto ad un prato e all’ombra di un albero è parte di quei diritti universali e inalienabili che si possono difendere solo mettendo al primo posto il bene comune.

Informazioni su Gruppo Valle Nava

Associazione casatese per la difesa del territorio, la sua valorizzazione e la diffusione di una coscienza ecologica.

Un commento su “#Una petizione per tutelare il Parco di Monza

  1. Elisa
    febbraio 1, 2008

    Mi associo alla petizione del Comitato per il Parco. Purtroppo il centro di guida sicura e’ solo una delle minacce che incombono su questo ultimo lembo di verde nel territorio monzese. Ve ne sono altre di pari entita’ quali lo stadio per 110.000 persone – pazzia per tutti – e le piste aggiuntive intorno a quella dell’autodromo.
    Avete suggerimenti da dare per contrastare simili nocive e inutili idiozie?
    Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

IN PRIMO PIANO!

Lascia la tua e-mail per ricevere i nostri aggiornamenti!

Segui assieme ad altri 55 follower

SEGUICI SU FACEBOOK!

STATISTICHE DEL SITO

  • 216,837 visite

ORTO SOCIALE DI CASATENOVO!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: