Gruppo Valle Nava

riscopriamo il nostro territorio

#Nuove farfalle nella Valle della Nava

Domenica, 28 marzo 2010

Temperatura alle ore 10: 13°, alle ore 13: 20°; tempo soleggiato, cielo limpido.
Grazie alla temperatura sempre più favorevole, altre farfalle cominciano a volare nella Valle della Nava. Innanzitutto nei prati in vicinanza delle Cascine Cacciabuoi e Bernaga volteggia la Cedronella (Gonepteryx rhamni). Si tratta di due maschi di un bel colore giallo brillante, la femmina infatti è di colore bianco verdastro. La Cedronella è una delle prime farfalle a comparire agli inizi della primavera. Gli individui osservati oggi, in particolare, dovrebbero essere farfalle che hanno trascorso l’inverno in stato di ibernazione tra le foglie secche o al riparo in qualche edificio. Una delle piante nutrici della Cedronella è il ramno.
Anche alcune cavolaie, in particolare appartenenti alla specie Pieris rapae, si intrattenevano nei prati, in particolare lungo i margini del bosco, particolarmente ricchi di anemone bianco. Queste farfalle hanno le ali bianche con la punta nera. Amano frequentare, come la Cedronella, i prati fioriti e le zone incolte. I bruchi dell’ultima generazione autunnale si chiudono in una crisalide che si schiude in primavera. Le piante nutrici preferite dal bruco sono varie crucifere, come il cavolo, rapa, ravizzone, ecc.
Oggi ha fatto la sua comparsa anche una piccola Coenonympha pamphilus, dalle ali color arancione con una piccola macchia nera su quelle superiori. I bruchi di queste farfalle, in volo da febbraio a novembre, prediligono diverse specie di Graminacee.

Coenonympha pamphilus


Infine, in località Quattro Valli, anche una “falena”, la Sfinge del galio (Macroglossum stellatarum), volteggia alla ricerca di nettare, sui fiori campestri. Questa sfinge vola di giorno. Le sue ali posteriori sono arancioni.


Lunedì 29 Marzo 2010


Temperatura: 15°.
Avvistata anche una Vanessa dell’ortica (Aglais urticae) in località Cascina Bracchi.

Aglais urticae

E’ comune nei prati fioriti e nei luoghi incolti. Ha un bel colore arancio di sfondo, con macchie più scure sulle ali superiori. La pagina inferiore delle ali è mimetica: il disegno infatti ricorda la corteccia degli alberi. I bruchi si nutrono delle foglie dell’ortica. Anche gli adulti di questa farfalla svernano nascosti tra gli alberi o nelle fessure dei muri.


Laura Farina

Informazioni su Gruppo Valle Nava

Associazione casatese per la difesa del territorio, la sua valorizzazione e la diffusione di una coscienza ecologica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

IN PRIMO PIANO!

Lascia la tua e-mail per ricevere i nostri aggiornamenti!

Segui assieme ad altri 51 follower

SEGUICI SU FACEBOOK!

STATISTICHE DEL SITO

  • 215,797 visite

ORTO SOCIALE DI CASATENOVO!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: