Gruppo Valle Nava

riscopriamo il nostro territorio

# 3 aprile 2011 – Con gli occhi al cielo e non solo: quarta uscita del corso di birdwatching

 

Le foto sono tratte dal sito di Sentieri e Cascine

Her hair is Harlow gold,
Her lips sweet surprise
Her hands are never cold
She’s got Bette Davis eyes

Fin troppo facile l’abbinamento. Si parla di tracce e di ricerca di tracce di volatili, e immediato dovrebbe essere il riferimento alle capacità degli sguardi umani di cogliere, in ogni dove, segni della presenza dei nostri. E da lì, classico topos, si dovrebbe arrivare agli occhi dei rapaci, nei secoli celebrati per facoltà al limite dell’incredibile. Nossignori. Complice una delle tante radio via internet che accompagnano le sedute al pc del vostro scrivano – con youtube che permette infinita replica di qualsivoglia sonorità –, il pensiero va invece a un brano riascoltato di recente attraverso l‘etere informatico. Gli occhi sono quindi quelli di Bette Davis, celebrati dalla voce di Kim Carnes, cantante pop di qualche lustro fa, sfondo e contrappunto alla stesura dell’ennesima cronaca. Testo non propriamente castigato, ma tant’è.  http://www.youtube.com/watch?v=x0Ne9rZpTt4&feature=related

She’s pure as New York snow
She got Bette Davis eyes
And she’ll tease you
She’ll unease you

“Per fare felice un naturalista, devi portargli un animale morto”. Così una persona che conobbi qualche tempo fa. Sia esso un insetto o un anfibio, un uccello o un grande mammifero, vedrete il viso dell’appassionato illuminarsi. Impossibile sfuggire all’attrazione per gli oggetti dei nostri desideri. Spirito macabro ai confini con la necrofilia, potrebbe commentare il profano. In realtà, l’analisi è totalmente personale, si tratta di tutt’altro: è la possibilità di avvicinare e di toccare ciò che normalmente non possiamo pensare di tenere tra le nostre mani. O che magari concede solo fugace visione. E non mancano episodi, carichi di umorismo tra l’involontario e il nero, di cui sono stato in non pochi casi testimone e diretto protagonista. Tra gli altri, quello del conservatore di un museo, che accompagnò la dolce morosa in scampagnata. L’obbiettivo aveva poco di idilliaco: era arrivata la segnalazione di una carcassa di cervo. La fanciulla rimase perplessa – i due riportarono a valle i resti dell’ungulato –. Il museo si arricchì di un campione in più, il pianeta vide sciogliersi un legame d’amorosi sensi. Ma queste sono altre storie.

She got Greta Garbo Stand off sighs,
she’s got Bette Davis eyes

Ci sarebbe dell’altro. Da vicino, il segreto del fascino e della bellezza degli adorati pennuti mica si disvela. Tutt’altro: in un gioco psicologico, tremendo e frustrante, tanta meraviglia di colori e forme viene via via a perdersi, e ci lascia con desideri inappagati.

L’introduzione all’uscita passa, su a Campofiorenzo, per penne e piume di alcune specie tra le più classiche. Tarabuso, airone cenerino, civetta: la rassegna è limitata ma significativa. Le remiganti hanno funzione di permettere la spinta dell’animale in volo.

Le due parti della penna sono contraddistinte da, più o meno spiccata, asimmetria. Non hanno cioè uguale estensione, per ragioni aerodinamiche. Come vuole la legge di Bernoulli, l’ala non è perfettamente piatta. Ma qui sconfiniamo nella fisica. Le timoniere, vale a dire le penne della coda, hanno invece aspetto più omogeneo e rispettano regole di simmetria.

Gli elementi del piumaggio non sono l’unico segno lasciato dagli uccelli. I cassetti di non pochi appassionati sono pieni di resti legati a funzioni fisiologiche tra le più classiche. Escrementi, va da sé. E le borre, ovvero pallottole che escono dal becco al termine dei processi digestivi e che contengono ciò che l’animale non può assimilare: ossa, peli, piume, e anche gandulitt di qualche bacca. Oggetti dalle preziose architetture, le borre non mancano di colpire il nostro uditorio. Ne troveremo? Sembra chiedere qualcuno, già attraversato dalla febbre del cercatore di tracce.

Ho percorso la strada che mena su a Casate tante volte; in non poche occasioni con il desiderio di, prima o poi, entrare nella corte che si affaccia sul sedime qui a Campofiorenzo. Oggi l’opportunità è a portata di mano, grazie anche a Capitan Biffi, la cui presenza è immediato lasciapassare.

E non manca, l’esponente del Sentieri e Cascine, di buttar lì qualche interessante aspetto di storia locale.

I pali segnaletici posizionati dal gruppo di cui sopra stimolano l’umano ingegno, ovvero sono facile supporto per piazzare indicazioni personalizzate. Il solito buontempone ha fissato qui un cartello improvvisato per condurre il viandante verso il proprio cassott.

Dove finisce il folklore cominciano le note per noi, oggi, più di interesse. Sono, i cassott, piccoli nuclei di biodiversità, oltre che tipico dettaglio di tante parti di Brianza. Vi si rifugiano molte specie, vegetali e animali. Vanno sempre controllati, soprattutto se diroccati. Questo ci offre qualche nido di vespe, insieme a impalpabili brividi da urbex, forma contratta per urban exploring, disciplina di matrice anglosassone che vede gli adepti entrare in luoghi, appunto, urbani, abbandonati e dismessi, senza compiere scasso o altro di poco ortodosso.

Qualche rapace si mostra in cielo, approfittando del sopravvenire delle giuste termiche.

Laura Caldirola piazza lì uno dei primi ritrovamenti della giornata: delle piume subito descritte dall’Alfio.

È contenta la nostra discepola. L’entusiasmo ha un che di simpaticamente infantile. Non se ne turbi, la signora: il suo esultare non differisce da quello di noi più dirozzati, sempre contenti quando un’uscita ci regala qualche pezzo da mettere nello zaino.

All the boys Think she’s a spy,
she’s got Bette Davis eyes

Occhi al cielo…..

….occhi a terra: una classica spiumata.

 

Vittima un colombaccio, come capiamo, ad esempio, dalle remiganti attraversate da una banda chiara, perpendicolare all’asse della penna. Il predatore? Molto probabilmente un allocco.

Una frazione della comitiva si stacca dal gruppo: l’obbiettivo è salvare alcune ovature di rane, cui il parziale disseccamento di una pozza riserverebbe triste destino. Le spostiamo nell’acqua. 

Registriamo l‘ennesimo esempio di utilizzo a scopi cultuali dei pali segnaletici.

 

Un minimalismo degno di interesse. Penseranno, è prevedibile, Capitan Biffi e soci a dar vita a qualche adeguata rassegna fotografica su questi, e magari altri, manufatti del piccolo. Quel piccolo che contraddistingue, non da oggi, le lande brianzole.

Il finale non manca di classico botto. All’ultimo cassott compaiono, in terra, alcune borre. L’obbiettivo della digitale le fissa per la fotocronaca.

Civetta? Gheppio? Ipotesi più probabile la prima, anche se una ha caratteri che fan pensare al gheppio. Vedaremm.

Il pensiero di alcuni va all’appuntamento, ormai prossimo, di Naturalmente Brianza.

 

Tocca alle nostre Lara e Marta sorreggere lo striscione. Il mio parere conta ben poco, ma l’opera della sempre brava Marta fa, ma sa diss, la sua porca figura.

All the boys Think she’s a spy,
she’s got Bette Davis eyes

Trovate la documentazione fotografica completa dell’uscita sul sito di Sentieri e Cascine: http://www.sentieriecascine.it/eventivallenava/2011/11bw/04_03apr/index.html

Questo il sito: http://www.sentieriecascine.it/drupal/ 

Qui il testo di Bette Davis Eyes:

http://www.forumanni80.com/testi-canzoni-anni-80/1291-testo-e-traduzione-bette-davis-eyes-kim-carnes.html

Alla prossima

Matteo Barattieri

4 commenti su “# 3 aprile 2011 – Con gli occhi al cielo e non solo: quarta uscita del corso di birdwatching

  1. Luciano Ponzoni
    aprile 24, 2011

    Matteo, più ti leggo e più apprezzo il tuo modo di scrivere, perché è di una profondità straordinaria. Non sempre di immediata comprensione, il tuo non è un semplice e banale resoconto della giornata, ma la sapiente unione di racconto e riferimenti culturali, ricche informazioni e appropriate riflessioni; hai la capacità di cogliere i particolari e di valorizzarli; sai leggere l’ambiente e le persone con una sensibilità non comune; riesci a dare unità ai tuoi pensieri pur allontanandoti spesso dal “qui e adesso”… Dici che non ti è facile scrivere e, per come lo fai, ti capisco. Sappi che i tuoi “resoconti” sono per me, ma credo anche per gli altri, il valore aggiunto (e che valore!) al corso pratico. Per tutto questo, grazie!
    Luciano

  2. alfio sala
    aprile 24, 2011

    beh….. io sono molto meno raffinato di Luciano, mi limito a rimarcare che l’attesa del “commento”, talvolta sorretta da pungolamenti affinchè gli sia data luce, immancabilmente viene ripagata dalla qualità elevata del medesimo.
    ciao,

    alfio sala

    p.s. si avvicina l’ultimo appuntamento di un’avventura a tratti anche impegnativa, resa però assai piacevole dal Gruppo che si è formato.
    facciamo sì che il saluto d’obbligo ….” ci si rivede”….. non siano le consuete parole lasciate al vento, sarebbe un vero peccato !

  3. francesco biffi
    aprile 24, 2011

    Concordo integralmente con quanto scritto da Luciano. Anch’io non ho la facilità di scrittura sua e quindi mi associo volentieri e senza sforzo.
    Ho comunque già avuto modo più volte di evidenziare il mio apprezzamento a Matteo per il suo modo di scrivere poetico, alla Gianni Brera come lui stesso ha confessato, però una ulteriore sottolineatura non mi dispiace farla. E’ sempre un piacere leggerlo. Mi spiace solo che tra poco questa bella abitudine cesserà.
    x alfio: E’ vero, il rischio che domenica prossima ci si saluti tutti con il solito “ci vediamo” è molto concreto. Bisognerebbe inventare qualcosa che faccia da “richiamo” per qualche altra occasione. Cosa??……siete voi i creativi.
    x matteo: un ringraziamento particolare per l’affettuoso nomignolo con cui mi citi spesso nei tuoi commenti. Ne sono lusingato.

  4. Otis
    novembre 22, 2012

    Great paintings! This is the type of info that are supposed to be shared across the net.
    Disgrace on Google for now not positioning this publish higher!
    Come on over and talk over with my site . Thanks =)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

IN PRIMO PIANO!

Lascia la tua e-mail per ricevere i nostri aggiornamenti!

Segui assieme ad altri 53 follower

SEGUICI SU FACEBOOK!

STATISTICHE DEL SITO

  • 216,692 visite

ORTO SOCIALE DI CASATENOVO!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: