Gruppo Valle Nava

riscopriamo il nostro territorio

#Pioggia… – sopralluogo del 5 giugno 2011


Alla fine la pioggia è arrivata: chiamala oggi, chiamala ieri ….. ci si ritrova sotto al lungo telo impermeabile che copre tutto dal capo ai piedi, compreso lo zaino con l’attrezzatura fotografica e il taccuino per gli appunti.
Alla Colombina, nel frattempo, il mais cresce e ormai nasconde la geometria delle righe alternate di piante e terreno. L’idea è quella di caratterizzare, salvo l’eventuale presenza di spunti particolarmente pressanti, l’apertura delle uscite col ciclo del mais, data anche l’ubicazione del campo in questione, giusto all’inizio del consueto percorso. 

Qui alla Colombina, partono anche le prime osservazioni sull’attività degli uccelli, data la presenza di diverse specie che nidificano sui manufatti umani: storni, balestrucci, passeri e una coppia di codirossi. Inoltre la presenza di orti con alberi da frutta, richiama altri uccelli quali merli, fringuelli, verdoni e cincie. Sui pini dei giardini nidificano pure i colombacci e le tortore dal collare. Anche il cardellino e il verzellino marcano la loro presenza.
Tornando alla pioggia, caduta ad intervalli temporaleschi anche in modo consistente, ha avuto il merito di riportare il verde quale colore “esplosivo”. Sì, non si è più circondati da quella tonalità moscia, stanca che disperatamente combatteva col sole, quasi fossimo ad agosto. Con queste considerazioni, si sopporta il fastidio delle gocce d’acqua che insidiano tutto, i preziosi circuiti elettronici della fotocamera come l’inchiostro degli appunti sul quadernetto.
Ma il problema maggiore, visto lo scopo finale di queste uscite, è l’interferenza del rumore della pioggia, col tentativo di rilevare i canti e i richiami di tutte le specie di uccelli presenti. Comunque anche in queste situazioni si può verificare il diverso comportamento delle varie specie nei confronti delle intemperie, oggi soprattutto di una pioggia piuttosto fitta, ma senza fenomeni temporaleschi. Ecco allora i merli che noncuranti, anzi quasi in atteggiamento di sfida, cantano a squarciagola in cima ai rami più esposti. Anche il pettirosso, però sempre invisibile nel folto del sottobosco, alza i decibel quasi a voler superare il ticchettio delle gocce. Al contrario le capinere e l’usignolo, sembrano cantare solo per dovere di presenza, in modo discontinuo e senza la forza delle uscite precedenti, caratterizzate dal sole. Cinciallegre, fringuelli e scriccioli non mostrano comportamenti difformi rispetto alle altre situazioni metereologiche. Ovviamente, quasi del tutto assenti i pigolii dei piccoli che hanno appena abbandonato i nidi e che probabilmente, consci della propria vulnerabilità, se ne stanno zitti e al riparo: un piumaggio bagnato, incompleto e per giunta con l’handicap di volatori inesperti, potrebbe risultare letale.
Non è solo il comportamento degli uccelli che suscita la curiosità dell’osservatore: si resta quasi stupiti nel vedere che le farfalle, tutte quelle che si incontrano, volano tranquillamente sotto la pioggia. Certo, ora è una pioggerella fine, ma questo loro sfidarla rappresenta un qualcosa di inaspettato.
O forse si tratta solo dell’innato senso, presente negli animali, di prevedere le variazioni del tempo: infatti la pioggia cessa quasi di colpo e il sole fa la sua comparsa (che nel prosieguo della giornata risulterà effimera).
Ora tutto è grondante dell’acqua caduta e non assorbita, come i fusti piegati della spiraea japonica che costeggiano il sentiero che riporta alla Colombina. Appena se ne urta uno, ed evitarli è impossibile, la doccia che ne deriva giustifica il telo impermeabile mai tolto, nonostante l’improvviso caldo.


Un ultimo pensiero è per l’inserimento di un tratto della Valle della Nava nel Cammino di S.Agostino , grazie all’interessamento degli Amici di Sentieri e Cascine con Renato Ornaghi, esperto in materia e recente ospite di Naturalmente Brianza. Il tutto è stato sancito con l’apposizione dei cartelli indicatori sui pali di quelli già posizionati, sempre da Sentieri e Cascine, nell’ambito dell’opera segnaletica dei percorsi del casatese.

Un altro tassello che arricchisce la Valle della Nava e indica per questo ambiente un futuro di tutela e corretta fruizione. Almeno così spera la gran parte di coloro che la frequentano.


Sala Alfio

Informazioni su Gruppo Valle Nava

Associazione casatese per la difesa del territorio, la sua valorizzazione e la diffusione di una coscienza ecologica.

Un commento su “#Pioggia… – sopralluogo del 5 giugno 2011

  1. giancarlo lissoni
    luglio 3, 2011

    ciao a tutti sono giancarlo lissoni faccio parte del gruppo afcb,avrei bisogno di contattare Laura (problema con dei bruchi) un saluto a tutti complimenti per il vostro lavoro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

IN PRIMO PIANO!

Lascia la tua e-mail per ricevere i nostri aggiornamenti!

Segui assieme ad altri 55 follower

SEGUICI SU FACEBOOK!

STATISTICHE DEL SITO

  • 216,837 visite

ORTO SOCIALE DI CASATENOVO!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: