Gruppo Valle Nava

riscopriamo il nostro territorio

#Le luci (?) e i suoni del bosco


Giovedì sera, ore 20:30, il caldo eccezionale portato da Caronte (o era un altro?) si fa sentire anche a Cascina Rancate.
Da questa bella cascina casatese, posta a confine con il Parco Regionale della Valle del Lambro, abbiamo deciso di partire per la nostra ultima escursione prima della pausa estiva.
L’obiettivo della serata è quello di esplorare i campi e i boschi della zona nella speranza di poter vedere le luci ed ascoltare i suoni che animano queste notti di inizio estate.. lucciole, cervi volanti, falene e civette..chissà se risponderanno all’appello?
Ma facciamo un passo indietro.. sono da poco passate le 20:30, è ancora presto, e con Laura e Massimo iniziamo a preparare il salone della Cascina per la proiezione di alcune immagini che serviranno a darci una piccola infarinatura su ciò che andremo a vedere e sentire più tardi.
Poco prima delle 21:00 iniziano ad arrivare i primi partecipanti e ci chiediamo in quanti saremo..certo, la concomitanza con la partita della Nazionale non ci aiuterà numericamente ma non importa, prepariamo file di panchine e sedie con il giusto spirito ottimistico.
Alle 21:15 il salone del Rancate inizia a riempirsi..alla fine conteremo un’abbondante trentina di partecipanti…donne e bambini per la maggior parte..i mariti ce li immaginiamo a casa, sul divano, con birra e ventilatore a palla a tifare Italia :-)
La serata può iniziare.
Prima Laura e poi Massimo, nel fresco (si fa per dire) del salone, ci conducono alla scoperta degli insetti notturni che animano i boschi e che impariamo a conoscere attraverso immagini, fotografie e splendidi modellini in scala.
(qui un estratto della presentazione)

 –


Dopo l’esaustiva lezione degli esperti siamo pronti per partire…i bambini non stanno più nella pelle!
Usciamo dal salone e ci accorgiamo che s’è fatto buio, ma armati di torce e frontalini siamo pronti ad affrontare il paesaggio notturno illuminato da un sottile spicchio di luna.
Laura distribuisce piccoli contenitori di plastica forati ai bambini, ci serviranno per osservare meglio gli insetti che cattureremo lungo il percorso.
Ci lasciamo alle spalle Cascina Rancate e ci dirigiamo a sud, verso il bosco, lungo un sentiero coperto da folte fronde di alberi che sembrano creare uno spettacolare tunnel verso l’ignoto.
La lunga fila di torce e frontalini si compatta in fondo al sentiero dove il paesaggio si apre sui campi e terrazzamenti coltivati, coperti dall’incessante canto dei grilli.
Laura tira fuori il retino per farfalle, cattura con precisione una piccola falena, la trasferisce con delicatezza nel contenitore trasparente e raduna tutti i bambini per una veloce spiegazione delle caratteristiche delle falene notturne.
Da qui in poi i piccoli partecipanti all’escursione contribuiranno a decimare la popolazione di insetti di questo angolo di campagna e nei minuti successivi anche il canto dei grilli riuscirà ad essere coperto dalle grida dei bambini…“una falena,una falena!”..“una lucciola, una lucciola!!”..“l’ho presa, l’ho presa!”…
Con una buona dose di pazienza Laura cerca di spiegare ad ogni bambino il nome e le caratteristiche dell’insetto catturato, preoccupandosi anche della sua immediata liberazione.
Camminando arriviamo ad un nuovo tratto di bosco che ci conduce in breve verso un’estesa radura circondata da alberi ad alto fusto.
Cerchiamo di compattarci al centro della radura e spegniamo tutte le torce…è il momento delle lucciole (o almeno vorremmo che lo fosse).
Cerchiamo di abituare gli occhi al buio, restiamo tutti in silenzio e incominciamo a guardarci intorno.
Si sentono solo grilli e cicale e iniziano a farsi “sentire” anche le zanzare.
Un gruppetto, capitanato da Laura, compie pazientemente tutto il giro del prato.
Niente, nemmeno l’ombra di una lucciola!
Non siamo fortunati…o forse abbiamo solo sbagliato campo.
Si riaccendono le torce e, dopo aver visitato senza successo un’altra radura, decidiamo di
di tornare indietro e prendere un sentiero che porta verso la roggia del Rio Pegorino.
Forse, vicino all’acqua, avremo la fortuna di vedere qualche lucciola o almeno un cervo volante.
Arriviamo al corso d’acqua che superiamo con facilità e ci immergiamo nel fitto bosco che ci conduce ad un nuovo prato e a nuove speranze.
Niente, questa sera non c’è proprio niente da fare.
Gli unici insetti che rispondono all’appello sono le solite zanzare.
Sono quasi le 23:00, alcuni di noi incominciano ad accusare stanchezza, con una punta di delusione decidiamo quindi di tornare verso Cascina Rancate dove ci aspetta una ventata di caldo e di afa.
Ci salutiamo davanti all’ingresso della Corte con la promessa di riproporre l’escursione l’anno prossimo, magari nel mese di maggio, sperando in una serata più fortunata.
Chiudiamo con i doverosi ringraziamenti:
..un grazie immenso per l’impegno (e per la pazienza!!) a Laura e Massimo,
..un grazie a Giancarlo che ha realizzato due stupendi modellini in scala di lucciola (maschio e femmina)
..un grazie a tutti i partecipanti, alle numerose facce nuove e agli afecionados che non si perdono un appuntamento!
Alla prossima,


Marta Picchi
per il Gruppo Valle Nava

Informazioni su Gruppo Valle Nava

Associazione casatese per la difesa del territorio, la sua valorizzazione e la diffusione di una coscienza ecologica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

IN PRIMO PIANO!

Lascia la tua e-mail per ricevere i nostri aggiornamenti!

Segui assieme ad altri 51 follower

SEGUICI SU FACEBOOK!

STATISTICHE DEL SITO

  • 214,975 visite

ORTO SOCIALE DI CASATENOVO!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: