Gruppo Valle Nava

riscopriamo il nostro territorio

# L’esecuzione – 21 ottobre 2012

Questa mattina si arriva alla Colombina veramente presto: è ancora buio e ci si può preparare in tutta calma.
Uno sguardo all’orizzonte per vedere se il profilo seghettato del Resegone riflette qualche luce particolare e un altro là in fondo, verso la Nava, dove l’alba sembra risalire direttamente dalla Valle. Nel cielo ancora buio si odono i primi fringuelli che in piccoli gruppi stanno popolando tutta la fascia collinare brianzola.
Il rumore secco di qualche sparo, oltre che rovinare l’atmosfera, fa sorgere spontanea una domanda: ma come fanno a sapere a cosa sparano, se non si vede neppure quello che passa sopra la testa? Desolata la risposta.
Il rosso, oggi non appare racchiuso in una sfera magica, ma ormai colora in modo diffuso il bordo del bosco..


…è ora di incamminarsi, proprio in quella direzione, quasi ad immergersi nella luce.
Lo sguardo improvvisamente è attratto a destra, in fondo oltre il “recinto delle lepri”, dove alti rami spogli si ergono ben al di sopra della linea nera della vegetazione: una sagoma scura, nella luce rossa, è apparsa improvvisamente in volo e si sta posando sulla cima del ramo più alto. Il movimento è molto elegante, le zampe si protendono in avanti per garantire la presa, le ali frenano e si richiudono, la coda, dapprima tesa all’indietro, ora viene richiamata in posizione di riposo. Una minima scrollatina, quasi per rilassarsi… mi chiedo a quale specie possa appartenere il volatile, riconsiderando
soprattutto la forma della coda e la grandezza, che mi sembra superiore a quella di un turdide, ma il controluce non mi aiuta. Quasi lo inquadro col binocolo, penso ….ma non riesco. Non capisco se sobbalzo prima nel vedere un ciuffo di piume volare via o nel sentire il rumore secco dello sparo. Certo che vedere la sagoma scura cadere seguita dalle piume, per me è un pugno diritto allo stomaco!
In quei brevissimi istanti, le sensazioni si fanno tumultuose, i pensieri inconfessabili: i sentimenti hanno preso decisamente il sopravvento sulla ragione. Se dovessi descrivere l’odio, penso che lo farei in questo modo.
Oggi non parlerò dei picchi a Quattrovalli, della poiana e del suo volteggiare, dei funghi del sottobosco e dei pacifici visitatori della Valle della Nava: solo per dovere riporterò sul quaderno il numero e le specie degli uccelli, ma raccontarne, no.
E’ l’alba, ma la giornata è chiusa. Chiusa quando la vegetazione accoglie e nasconde la sagoma scura che precipita come uno straccio, invano seguita da un ciuffo di piume.

Sala Alfio
Gruppo Valle Nava


ps. per la prima volta, forse, ho abbandonato l’uso della terza persona, e ho scritto in prima persona: il momento è stato troppo coinvolgente, almeno per me.

Informazioni su Gruppo Valle Nava

Associazione casatese per la difesa del territorio, la sua valorizzazione e la diffusione di una coscienza ecologica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il ottobre 28, 2012 da in Appunti dalla Valle della Nava con tag , , .

IN PRIMO PIANO!

Lascia la tua e-mail per ricevere i nostri aggiornamenti!

Segui assieme ad altri 51 follower

SEGUICI SU FACEBOOK!

STATISTICHE DEL SITO

  • 215,853 visite

ORTO SOCIALE DI CASATENOVO!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: